Olio palma: Efsa alza dose tollerabile su un contaminante

18 Gennaio, 2018, 04:40 | Autore: Doriano Lui
  • Olio palma: Efsa alza dose tollerabile su un contaminante

PARMA L'Ue ridimensiona la pericolosità dell'olio di palma. Si tratta della sostanza chimica 3-monocloropropandiolo (3-MCPD) e dei suoi derivati, che potrebbe avere effetti nocivi su reni e fertilità maschile. Per la maggior parte dei consumatori è privo di rischi, mentre i lattanti nutriti esclusivamente con latte artificiale potrebbero "lievemente superare il livello di sicurezza".

L'olio di palma è meno pericoloso di quanto si pensava.

In particolare Efsa ha aggiornato il livello di sicurezza della sostanza 3-MCPD, che si forma ad alte temperature durante il processo di raffinazione dell'olio di palma, ma anche di altri oli vegetali.

Questa valutazione non è cambiata.

Sulla scorta di quel parere la Commissione europea ha avviato una procedura legislativa per ridurre i livelli di Ge in oli vegetali e alimenti.

Efsa ha aggiornato il limite di sicurezza perché, nel frattempo, ha cambiato anche il metodo utilizzato per calcolarlo.

L'EFSA ha deciso di rivedere la propria valutazione dopo che il Comitato congiunto FAO-OMS di esperti sugli additivi delle Nazioni Unite [ JECFA ] ha stabilito un diverso livello di sicurezza ( dose giornaliera tollerabile o DGT ).

Raccomandato: