Amatrice, Pirozzi indagato per omicidio colposo per il crollo di una palazzina

09 Febbraio, 2018, 11:30 | Autore: Santina Resta
  • Amatrice, Pirozzi indagato per omicidio colposo per il crollo di una palazzina

L'accusa formulata dal procuratore Giuseppe Saieva è in relazione al crollo dell'edificio di piazza Sagnotti in cui morirono sette persone la notte del 24 agosto, quando si verificò la prima scossa di terremoto.

Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Rieti per il crollo di una delle tre palazzine di piazza Sagnotti in seguito al sisma del 24 agosto 2016.

Pirozzi, candidato per le elezioni regionali del Lazio, è anche indagato di lesioni colpose. Erano state costruite da enti pubblici: due erano le palazzine gemelle (ex Ater) costruite, intorno agli anni Settanta, dall'Istituto autonomo casa popolari di Rieti. Lo stabile era rimasto danneggiato dal terremoto dell'Aquila del 2009 e per questo era stata emessa un'ordinanza di sgombero dalla precedente amministrazione comunale. Erano stati compiuti dei lavori, che avevano riguardato una porzione dell'immobile. "Lesioni al piano terra, stato fessurativo ai piani superiori, ampio spanciamento della zona seminterrata, dissesto alla struttura di fondazione", si legge nell'avviso di chiusura delle indagini preliminari, "che ne pregiudicano l'agibilità".

A Pirozzi, in quanto sindaco e responsabile della protezione civile avrebbe consentito "il rientro nelle abitazioni i degli abitanti evacuati dopo il sisma aquilano".

Raccomandato: