Casa » Sport

Probabili formazioni Roma-Benevento: Di Francesco in emergenza, De Zerbi ritrova Coda

10 Febbraio, 2018, 14:49 | Autore: Eufebio Giannola
  • Serie A tutte le probabili formazioni

Metterò in campo quelli che hanno voglia, grinta e determinazione.

Domenica pomeriggio l'Inter ospiterà il Bologna di Donadoni, con il tecnico della squadra rossoblù che dovrà vedersela con la sua bestia nera: vale a dire Luciano Spalletti.

QUI BOLOGNA - Tanti, invece, sono i dubbi che affiorano nella testa di Donadoni. Il più grande investimento della Società rischia dunque di stare a sedere in panchina: "Sono stati fatti un po' di investimenti nel passato e un po' nel presente per far diventare la rosa più forte; poi bisogna fare il conto con la realtà delle cose e se una volta rimane a sedere Destro, una Di Francesco o qualcuna in più Krejci dispiace ma rientra nella logica delle cose". "Sicuramente è in lizza per guadagnarsi un posto nella partita". Che sia una questione di approccio lo ha ricordato anche ai musi lunghi intravisti nell'ultima partita con la Fiorentina. Quando ha la giusta intensità, Mattia è un giocatore sopra la media, altrimenti diventa uno come gli altri. Spalletti si presenterà in sala stampa indubbiamente preparato sulle possibili domande che gli verranno rivolte, bisogna solo vedere con quale stato d'animo le affronterà. A completare l'undici rossoblù saranno Poli, Pulgar, Dzemaili a centrocampo e Mbaye, Gonzalez, De Maio, leggermente favorito su Helander e Masina in difesa.

"Per quanto ci riguarda, veniamo da due risultati negativi consecutivi. Fino a poche settimane fa loro erano tra le candidate a vincere lo scudetto, adesso stanno attraversando un momento di difficoltà e noi dobbiamo cercare di approfittarne con una prestazione di spessore". Ma non possiamo essere succubi dell'iniziativa degli avversari.

Il grande salto di qualità consiste nell'affrontare tutte le gare allo stesso modo, senza far differenza tra piccole e grandi. Non è una partita facile per l'Inter, forse ormai non ce ne sono più.

Se mi chiedete di Destro, io gli dico sempre che il suo è un problema di convinzione: non è il fare, ma il come farlo. Dalla cintola in su, per Donadoni si aprono diverse strade.

Raccomandato: