Nadia, il cancro non rende fighi

23 Febbraio, 2018, 01:27 | Autore: Bianca Mancini
  • Catia Brozzi imprenditrice

"I fighi sono quelli che assistono i malati oncologici, i malati sono solo persone", scrive.

"Qui, esistono realmente persone fighe, e sai chi sono secondo me?" Non è un personaggio famoso ma il 15 febbraio scorso ha scritto su Facebook un post che sta facendo molto discutere e che sta facendo il giro della rete.

Lo scritto della donna contrasta con quanto asserito dalla conduttrice: "Beata te cara NadiaToffa che in due mesi hai scoperto di avere un tumore, hai fatto l'intervento, chemio e radio, sei già al lavoro e ti dichiari guarita" scrive Catia che elenca le situazioni affrontate ogni giorno dai malati di tumore e dai loro familiari. Noi qui non siamo persone, siamo solo numeri, statistiche.

Nell'ultima seduta del consiglio comunale è stata approvata all'unanimità una mozione proposta dalla consigliere Lucia Tarsi poi sottoscritto da tutti i gruppi consiliari, che come oggetto aveva il conferimento della cittadinanza onoraria del Comune di Fano al Dalai Lama, Tenzin Gyatso, per l'altissimo esempio di pace e tolleranza che rappresenta e per questo tale richiesta sarà formalmente inviata nei prossimi giorni al magnifico Rettore, Prof. Sono quelli che devono mantenere il sorriso, ogni giorno mentre corrono da un ospedale all'altro in cerca di risposte.

In sostanza Catia lascia intendere che la notorietà può offrire una corsia preferenziale anche quando si tratta di cure mediche e trafile ospedaliere. "Ci sono persone che dopo 11 anni si sono viste somministrare lo stesso protocollo per poi scoprire che era sbagliato". Le persone fighe, sono quelle che provano un senso di impotenza devastante, ma si comportano da supereroi.Le persone fighe, sono quelle che tengono per mano, per una notte intera la persona amata, sapendo bene che quella potrebbe essere l'ultima notte. "Le persone fighe sono quelle che restano lì per prendersi l'ultimo respiro, nonostante sappiano che quell'ultimo respiro non permetterà più loro, in seguito, di respirare con naturalezza".

La risposta social, che conta 100mila condivisioni online, sembra quasi voler restituire una dimensione 'reale', nuda e cruda, di quella che è la lotta contro la malattia. Le persone fighe, sono quelle che hanno deciso di accompagnare gli ultimi istanti di quella persona, cantando una ninna nanna... magari proprio quella che lei cantava a te da bambina... Sono solo PERSONE che vorrebbero essere trattate dai medici come tali e non come semplici casi da inserire nelle loro maledettissime statistiche, sono persone che non vorrebbero perdere la loro dignità, cosa alla quale sono invece condannate dal progredire della malattia.

Raccomandato: