Amazon pensa a un conto corrente per i clienti

06 Marzo, 2018, 23:30 | Autore: Doriano Lui
  • Amazon guarda alla finanza punta a offrire conti correnti con JP Morgan

Lo riporta il Wall Street Journal che cita fonti vicine al colosso. Il colosso dell'e-commerce starebbe, infatti, valutando la possibilità di lanciare un servizio alternativo ai tradizionali conti corrente bancari. E sarà anche un altro importante servizio che andrà ad aggiungersi alla vasta gamma di prodotti e servizi di cui Amazon già dispone: oltre la piattaforma e-commerce che conosciamo tutti, in alcune aree Amazon è anche sinonimo di negozio di alimentari, è sinonimo di musica e video in streaming, è sinonimo di voice assistant e domotica (con Alexa) e tanto altro ancora.

I tassi di interesse proposti con Amazon Lending non sono di certo a buon mercato, ma con il servizio i piccoli imprenditori possono ottenere prestiti veloci, con erogazione anche in sole 24 ore, da un minimo di 1.000 dollari ad un massimo di 750 mila dollari.

Sempre secondo la fonte, però, non si tratterebbe del tentativo di diventare una banca in tutto e per tutto (cosa che non potrebbe fare, poichè secondo la legge USA non le sarebbe permesso concedere prestiti), ma di offrire un servizio simile al conto corrente a chi ne è sprovvisto.

E' bene sottolineare che il progetto è ancora in una fase assolutamente preliminare e che potrebbe non tradursi mai in un'offerta commerciale reale. D'altronde un sondaggio firmato LendEDU afferma che il 45% degli intervistati sarebbe disposto a usare Amazon come il proprio conto corrente primario: la fiducia nel brand, che ha costruito la propria immagine sull'efficienza e i servizi dalla parte dei consumatori, è dunque molto alta e nessuno si stupirebbe se un giorno dovesse comparire, nelle pagine del sito, una sezione Amazon bank.

Dopo aver già trasformato radicalmente l'industria mondiale della grande distribuzione organizzata, la rivoluzione Amazon potrebbe presto entrare anche in banca.

Raccomandato: