Iran, schianto jet turco: 11 vittime tutte donne, anche equipaggio

12 Marzo, 2018, 16:50 | Autore: Santina Resta
  • Cade jet privato, muore gruppo di amiche di ritorno da un addio al nubilato

Era volata assieme ad altre sette amiche a Dubai per festeggiare l'addio al nubilato in un lussuoso hotel "One and Only Royal Mirage".

Il giorno prima del tragico incidente, Mina Basaran ha pubblicato sul suo account Instagram una foto della festa a Dubai. Poi il silenzio sui social, interrotto da migliaia di messaggi sotto la foto di Mina e le amiche, quando la notizia della tragedia ha invaso i media turchi. Morto, oltre alle otto ragazze, tutto l'equipaggio composto da donne.

Sarebbero 11 le persone a bordo del jet privato turco che si è schiantato in una zona montagnosa nel sud ovest dell'Iran, a 400 km da Teheran.

Le squadre di soccorso sono riuscite ad arrivare sul luogo dello schianto solo alcune ore dopo il disastro a causa delle forti piogge: i rottami erano però ancora in fiamme, i corpi sono stati trovati carbonizzati e per un'identificazione certa bisognerà aspettare gli esami del Dna, anche se non vi è dubbio sull'identità delle persone a bordo. Aveva 28 anni Mina Basaran, figlia del proprietario dell'omonima holding turca. Ex patron della squadra di calcio del Trabzonspor, Basaran possiede anche una società che controlla la Bahrain Middle East Bank BSC, una piccola banca di investimenti. Per comprendere il suo legame con la figlia, che aveva inserito anche nei consigli di amministrazione, basta guardare all'ultimo progetto che prevede la realizzazione di consorzi di appartamenti lussuosi sul lato asiatico di Istanbul e che era stato battezzato "Mina Towers". Secondo l'Aviazione civile iraniana, l'aereo è entrato nello spazio aereo iraniano "alle 16.59 ora locale [14.29 italiane] ed è precipitato verso le 18.09" (15.39 italiane).

Raccomandato: