Indetto sciopero raccolta rifiuti per il 20 Marzo

13 Marzo, 2018, 00:10 | Autore: Santina Resta
  • Aumenta la quota della raccolta differenziata a Como

Tolleranza zero contro chi inquina e non osserva il calendario di raccolta dei rifiuti.

"Le aziende del raggruppamento temporaneo di imprese che gestiscono il servizio rifiuti nel capoluogo, Iseda, Sea e Seap, hanno scongiurato, almeno per il momento, il rischio di un blocco della raccolta differenziata nella Città dei Templi a partire dalle prossime ore che avrebbe avuto conseguenze disastrose anche per la festa del folklore in corso in questi giorni". "Grazie a uomini e mezzi in più, messi a disposizione da questa Rti, si sta riuscendo ad evitare la catastrofe ma la situazione rimane comunque molto delicata".

Niente cassonetti e rifiuti abbandonati sul marciapiede come una discrica. Nel 2017 sono 72 invece i condomini fino a 9 unità abitative che sono passati al sistema delle monoutenze, con ogni famiglia residente dotata di contenitori singoli da esporre nel giorno prestabilito solo quando sono pieni.

"Vi ringrazio per l'attenzione e vi auguro una buona giornata".

L'assessore all'Ambiente di Palazzo San Giorgio lo aveva annunciato: dopo il potenziamento della raccolta differenziata nel centro storico e gli 'avvertimenti ai furbetti, ci sarà tolleranza zero per chi abbandona i rifiuti per strada.

In effetti il primo cittadini commentando i numeri della raccolta differenziata prosegue: "In queste settimane stiamo estendendo il sistema porta a porta nei quartieri PP1 e nella zona nord al confine con Pescara". Nel piano di comunicazione relativo all'appalto di igiene urbana che Igm Rifiuti Industriali sta attuando in qualità di gestore del nuovo servizio, infatti, le scuole del territorio sono in prima linea e dunque, in sinergia con l'amministrazione comunale, la macchina organizzativa sta procedendo in questo grande e ambizioso progetto di civiltà. "Sul risultato ha influito in parte anche la modifica normativa che, nella sostanza, ha inserito i rifiuti ingombranti, gli inerti e i residui della pulizia stradale come frazioni differenziate". Perché noi sappiamo quanto siamo fuori tempo; le associazioni ci tempestano di lettere, mi arrivano delle pec dall'associazioni dei cittadini, lamentandosi del fatto che avete sforato sia i termini del 2016 sia quelli del 2017 in ordine alle percentuali di differenziata e che questo ci costerà dei soldi.

Raccomandato: