Casa » Sport

Silenzio, applausi e coreografia: così l'Artemio Franchi ha omaggiato Astori

13 Marzo, 2018, 04:49 | Autore: Eufebio Giannola
  • Fabrizio-Pasqua-620x350-e1516353825362

Alle 12.24 sul maxischermo del Franchi, viene proiettato uno struggente video in ricordo di Astori sulle note di una canzone di Jovanotti "Terra degli uomini".

Allo stadio di Firenze ci sono anche il papà e i fratelli di Davide.

La commossa atmosfera del Franchi ha regalato emozioni incredibili. Stefano Pioli è visibilmente provato e non potrebbe essere altrimenti. Pioli schiera Vitor Hugo proprio al posto di Astori assieme a Pezzella e Milenkovic sulla linea difensiva, la novità è Saponara che supporta Simeone in attacco. "E se prima eravamo un gruppo unito ora lo siamo ancora di più". Il numero di Astori. Per Hugo tra l'altro è il primo gol in serie A. La squadra con addosso la maglia numero 13 di Astori, insieme a tutto lo staff viola, al suo ingresso in campo per il riscaldamento, si è portata in mezzo al campo, vicino al maxi telo, per un abbraccio collettivo e per applaudire tutti i tifosi.

Nell'incidente alla vigilia della finale di Copa Sudamericana hanno perso la vita 22 calciatori e quasi tutto il vostro organigramma sportivo, con soli 6 sopravvissuti su 77 passeggeri.

Gli occhi sempre lucidi, il dolore nel cuore. Il popolo viola ha salutato il suo capitano, e in qualche modo credo che anche lui abbia voluto salutare tutti noi nel modo migliore possibile. "Davide era e rimarrà per sempre la nostra luce" ha detto Badelj a nome dei compagni. Tutta l'Italia e tutta Europa lo ha ricordato, abbiamo visto manifestazioni in ogni parte del mondo. Al 25′ la sblocca Vitor Hugo, un centrale difensivo, maglia numero 31, gli anni di Davide, il numero di Davide letto allo specchio. "In onore di Davide" scrive il dirigente. Eppure il tecnico per sfatare il tabù trasferta sceglie un modulo a trazione anteriore: nel 4-2-3-1, c'è anche Lombardi con Guilherme e Brignola alle spalle dell'unica punta, Coda. È stata per tutte queste ragioni una domenica particolare.

Ovvio che in un momento così emotivo certe cose si notano maggiormente. Senza contare che sulla carta i nerazzurri hanno un'altra chance di racimolare punti già fra due giorni a Torino nel recupero contro la Juve, gara non disputata il 25 febbraio a causa della nevicata sullo Stadium. So che non potremo più giocare con te ma d'ora in poi giocheremo sempre per te.

Raccomandato: