Gomorra, l'attore Salvatore Russo arrestato. L'accusa: "Spacciava tra i palazzi di Scampia"

14 Marzo, 2018, 16:16 | Autore: Santina Resta
  • Spaccio di eroina e cocaina, blitz nelle case dei puffi: arresti

Gomorra è un film del 2008 diretto da Matteo Garrone, ispirato all'omonimo best seller di Roberto Saviano.

Oggi tocca a Salvatore Russo, fermato dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia Napoli Stella con l'accusa di essere uno dei tre componenti della gang che dirigeva la 'piazza di spaccio' legata al gruppo della Vanella Grassi. I carabinieri hanno emesso nove provvedimenti cautelari smantellando l'organizzazione criminale dedita alla gestione di una piazza di spaccio nel Lotto P di Scampia, insediamento di edilizia popolare noto anche come Case dei Puffi per la ridotta altezza dei soffitti.

Salvatore Russo impersonava un affiliato alla camorra che 'addestrava' le future vedette sparando contro il giubbotto antiproiettile che indossavano, testando così il loro coraggio.

Dal 2008 a oggi sono passati 8 anni e siamo a sette arresti tra i membri del cast di Gomorra.

Le indagini, condotte tra il 2016 e il 2017, hanno portato alla luce l'esistenza di una struttura criminale dedita all'approvvigionamento, alla gestione e alla vendita di sostanze stupefacenti (eroina e cocaina) diretta da 3 pregiudicati del posto che reclutavano corrieri, spacciatori e soggetti incaricati della sola detenzione della droga da smerciare al dettaglio, ai quali davano direttive e che provvedevano a sostenere economicamente in caso di arresto.

Il primo degli arrestati fu proprio uno dei ragazzi sottoposti alla prova del fuoco da Salvatore Russo.

In questa stessa zona, poi, è stato colto in flagrante Giovanni Venosa, appartenente al clan dei casalesi, che nel film interpretava il capo che intimava a due ragazzi di non intraprendere attività criminali sul territorio.

Raccomandato: