Regione Lazio, Terrinoni (Cisl): bene nomina di Di Berardino

09 Aprile, 2018, 01:23 | Autore: Fausta Monteleone

"Colgo l'occasione per unirmi agli auguri della Cisl nazionale e regionale per il prestigioso incarico che la segretaria nazionale Anna Maria Furlan ha conferito in questi giorni al nostro corregionale Gigi Sbarra".

"La sanità deve sapersi declinare al plurale e serve un contratto per tutte le professioni", queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, in vista delle prossime elezioni delle Rsu dal 17 al 19 aprile prossimi.

"L'accordo del 30 novembre 2016 costituisce una svolta epocale nelle relazioni sindacali nel pubblico impiego ponendo le basi di un inversione di tendenza rispetto agli ultimi 10 anni: il legislatore ha espropriato attraverso la legge alcuni istituti del CCNL alla contrattazione".

Gran parte dei candidati sono giovani e donne in rappresentanza delle tante professionalità presenti nel pubblico impiego.

E' stato, inoltre, reso noto ai Consiglieri componenti la Commissione, che "durante un incontro svoltosi in Prefettura, in presenza del prefetto Guido Longo, i vertici dell'Asp vibonese hanno rappresentato l'impossibilità per l'Ente a poter garantire alla popolazione la regolare erogazione dei LEA, soprattutto per quanto riguarda la branca di ortopedia il cui reparto dispone soltanto di 8 posti letto attivi e non riesce a garantire l'esecuzione degli interventi per frattura del femore entro le 48 ore, come richiesto dal regolamento per gli standard ospedalieri".

"In Abruzzo esiste un problema di qualificazione della spesa sanitari: troppo orientata ai presidi ospedalieri e poco assolutamente inadeguata per la medicina territoriale".

Gran parte dei reparti dei Presidi Ospedalieri del "S. Elia" di CL, del "V. Emanuele" di Gela e degli altri P.O. della provincia vengono coperti con turni di servizio in straordinario programmato che è una contraddizione in termini, e che determina la decurtazione dei fondi del personale del comparto sanità con grave danno arrecato ai lavoratori ai quali non possono essere liquidate le indennità accessorie previste dal CCNL (notturni, festivi, indennità diturno, straordinario, festivi infrasettimanali, ect.); infatti, al personale sopra citato devono essere ancora saldati i mesi di dicembre 2016, novembre e dicembre 2017.

Ad aprire gli interventi con cui si è sviluppato un confronto con la segreteria nazionale e regionale è stata una delegata della Fp Cisl Ragusa, Gina Vaccaro, Rsu al Tribunale. "Non c'è ombra di dubbio che il nuovo Governo dovrebbe avere più attenzione per il Sud".

Raccomandato: