Ape volontaria, dal 13 aprile al via le domande di accesso

13 Aprile, 2018, 14:28 | Autore: Doriano Lui
  • Bonus Mamma 2018 da 600 euro: come fare domanda e requisiti per il sussidio Inps (GUIDA COMPLETA)

Sono state accolte dall'Inps quasi 7mila domande per l'Ape Volontaria.

Al via dal 13 aprile le domande per l'Ape volontaria, il "prestito finanziario con garanzia pensionistica" che consentirà a chi avrà almeno 63 anni nel 2018 (o almeno 63 anni e 5 mesi nel 2019) di uscire in anticipo dal lavoro. Si tratta, in particolare, di una piccola platea di 71 persone tenuti a presentare la domanda di Ape volontaria all'INPS entro il 18 aprile.

Le domande di riconoscimento delle condizioni per l'accesso ai benefici dell'APE sociale e della pensione anticipata per i lavoratori c.d. precoci, in relazione allo svolgimento delle attività gravose, ricorda l'Inps, devono essere presentate in modalità telematica.

Dal prossimo anno si potrà andare in pensione anticipata rispetto all'età di vecchiaia solo con 43 anni e tre mesi di contributi (42 anni e tre mesi per le donne).

Sono stato assunto nel 1982 nell'allora Azienda Autonoma Ferrovie dello Stato, maturando 34,5 anni di contribuzione effettiva, cui vanno aggiunti 5 anni per riscatto anni di laurea.

La procedura è più complessa, invece, per la pensione di vecchiaia, visto che ci sono notevoli differenze, anche relative al momento in cui si matura il requisito.

Nel messaggio del 4 aprile scorso l'Inps precisa che la rendita vitalizia, i riscatti e le ricongiunzioni hanno efficacia retroattiva: quando l'interessato versa il relativo onere, i contributi si collocano nel periodo di riferimento. In pratica non sarà possibile accedere all'Ape se si hanno ad esempio 18 anni di contributi nella gestione dei dipendenti privati e 18 in quella dei dipendenti pubblici, mentre è possibile se si hanno contributi per lavoro dipendente e autonomo cumulati per almeno 20 anni. Nella domanda il lavoratore indicherà la quota di Ape chiesta e se vorrà o meno accedere al finanziamento supplementare per avere l'Ape fino all'effettiva età di pensionamento qualora nella fase di erogazione del prestito intervenga l'adeguamento dei requisiti pensionistici. Il servizio consente di inviare la domanda di accesso all'anticipo pensionistico attraverso l'uso dell'identità digitale SPID almeno di secondo livello, una volta ottenuta la certificazione del diritto all'APE. Nella domanda andrà inoltre indicato "l'istituto finanziatore cui richiedere il prestito sia l'impresa assicurativa alla quale richiedere la copertura del rischio di premorienza".

L'anticipo pensionistico - comunemente detto Ape - è una misura previdenziale sperimentale, introdotta dalla legge di bilancio 2017 e in vigore dal 1° maggio 2017 sino al 31 dicembre 2019.

Raccomandato: