Napoli, Carfagna (Fi): de Magistris è un'anomalia

13 Aprile, 2018, 23:40 | Autore: Fausta Monteleone
  • Attendere un istante stiamo caricando il video

Il presidente mi ha detto che sta lavorando per chiudere in queste ore l'accordo non ancora formalizzato. Il problema, infatti, non è solo la sanzione da 85 milioni inflitta dalla Corte dei Conti al Comune per un debito del passato, come vuol far credere il sindaco, ma soprattutto i 3 miliardi di zavorra che l'amministrazione de Magistris consegna alla città e alle future amministrazioni, per effetto dei quali sulla testa di ogni bambino grava un peso di 4686 euro. Quanto alle intenzioni di chiedere un incontro con Mattarella, de Magistris spiega che vorrebbe recarsi al Colle "con una delegazione mista, anche con rappresentanti del popolo".

"Nel Pd c'è chi vuole cambiare il modo di fare politica e vuole dialogare maggiormente prendendo atto che la politica del rancore non premia e chi, invece, come la Valente si mette a fare iniziative con Fratelli d'Italia e con Cantalamessa della Lega. Quella di domani è la prima manifestazione in Italia dal dopoguerra di una città che si ribella al debito ingiusto".

Di contro, non molto lontano da piazza Municipio, in piazza Trieste e Trento avrà luogo la manifestazione degli antagonisti, di chi contesta il lavoro del sindaco di Napoli Luigi de Magistris: un gruppo di associazioni cittadine riunite dall'avvocato Gaetano Brancaccio sotto i comitati "Verità per Napoli". "Non mi scaglio contro il Pd - ha affermato il sindaco - e la fotografia dei componenti della contro manifestazione non è condivisa dalla maggioranza del Pd".

"Mi auguro che la vittoria rocambolesca di domenica possa essere un segnale anche per il campionato, perché bisogna crederci fino alla fine".

Raccomandato: