Per l'Ocse solo una patrimoniale può ridurre le disuguaglianze e salvare l'Italia

13 Aprile, 2018, 13:09 | Autore: Doriano Lui
  • Ocse, patrimoniale in Italia per combattere le disuguaglianze/ La soluzione per ridurre i divari di ricchezza

Lo sottolinea l'Ocse in un rapporto sulla tassazione sulla ricchezza in cui evidenzia "un rinnovato interesse verso la patrimoniale", anche se questo tipo di imposizione fiscale oggi è applicata solo in 4 Paesi dell'Ocse (contro i 12 del 1990). Lo chiede l'Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), affermando che il paese è uno di quelli dove, dopo la crisi economica dell'ultimo decennio, la disuguaglianza sociale è aumentata di più e la concentrazione di ricchezza verso l'alto è diventata più evidente. Ponendo l'accento sulla distribuzione del reddito e della ricchezza, è emerso come dopo la crisi la tendenza ad una maggiore disuguaglianza di ricchezza non sia mai passata di moda.

Ocse, patrimoniale in Italia per combattere le disuguaglianze: la soluzione lanciata dall'organizzazione internazionale per ridurre più velocemente il divario di ricchezza. "Per esempio - si legge nel rapporto - una tassa sulla ricchezza netta potrebbe avere effetti distorsivi più limitati ed essere più giustificata se utilizzata per favorire la progressività nei Paesi dove l'imposta sui redditi personali è relativamente bassa".

La crisi economica ha aumentato le diseguaglianze in Italia, così come in altri Paesi, e proprio laddove i divari sono più ampi una tassa patrimoniale sulla ricchezza potrebbe essere utile ad un riequilibrio sociale.

Contraria Confindustria: "Noi viviamo in un Paese in cui le patrimoniali le hanno già messe sui fattori di produzione", sottolinea il presidente Vincenzo Boccia. "Sarebbe meglio una riforma fiscale che aiuta chi produce, il mondo del lavoro, i lavoratori e le imprese, non sui patrimoni delle persone".

Confedilizia fa però notare che nel nostro Paese una patrimoniale già esiste ed è l'Imu-Tasi. Per Carlo Cottarelli, direttore dell'Osservatorio sui Conti Pubblici dell'Università Cattolica, una patrimoniale "che non si può escludere in una situazione di emergenza creerebbe problemi di liquidità".

Raccomandato: