Casa » Sport

Assurdo da Torino, Juventini contro Del Piero: "sei un pezzente"

14 Aprile, 2018, 19:22 | Autore: Eufebio Giannola
  • Edicola la rabbia per l'uscita della Juve arriva anche in Catalogna col

La Juve domenica cercherà di trasformare la rabbia in energia positiva contro la Samp. L'ultimo atto di un grande atleta e di una vita da campione, questo nessuno mai gli toglierà, ma anche di una vita da personaggio pubblico passabilmente di merda. Passano ottanta secondi, Douglas Costa salta alla Holly e Benji Casemiro, scarico per Khedira e cross liftato perfetto per Mandzukic che di testa va a segno, facendo sognare da subito i tifosi bianconeri. Ironia della sorte, in molti ricordano un precedente che, effettivamente, potrebbe essere stato desempio per Chiellini e Szczęsny. "In quei momenti pero' quando vivi ancora l'agonismo della partita si riesce difficilmente a controllare le emozioni, ma da un calciatore esperto come Gigi qualcuno di noi si aspettava un comportamento piu' consono ai suoi trascorsi", aggiunge Scala.

Spiacevole episodio capitato all'ex dentista di Sunderland Michael Oliver, omonimo dell'arbitro: "Su Twitter sono stato minacciato di morte". E' incredibile, pare che gli arbitri in Europa ce l'abbiano con le italiane. Dichiarazioni choc dell'ex portiere della Juventus Stefano Tacconi che a Rmc Sport è riuscito a rendere "normali" le parole violente dette ieri da Buffon dopo il burrascoso finale col Real Madrid: "Sapendo di smettere, avrei spaccato la faccia all'arbitro". Ma questo principio vale anche per altre discipline, ben più importanti per il singolo: il partecipare senza eccessiva preparazione ad un concorso, un esame universitario, l'espatriare solo per il gusto di farlo e senza possedere una professione, non pagare le tasse sperando che fare il furbo rimanga impunito. Domani toccherà alla Lazio, di cui sarò tifoso. Le parole di Gigi ormai le conosciamo a memoria, così come il titolo, il pesantissimo: "Al posto del cuore l'arbitro ha un bidone dell'immondizia". Proprio Cristiano Ronaldo, autore di tre delle quattro reti che hanno consentito al Real Madrid di approdare in semifinale, ha ribadito il fatto che il rigore che ha deciso il doppio confronto fosse netto: "Non capisco perché protestano". Lo ha invitato a guardarsi la partita dagli spalti con moglie e figli se non all'altezza.

Raccomandato: