Casa » Sport

Di Francesco: dal Barça al derby, siamo fatti per stupire

15 Aprile, 2018, 18:10 | Autore: Eufebio Giannola
  • Roma, adesso la tua Champions è la Lazio

Così Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, alla vigilia del derby, impegno che arriva a quattro giorni dalla strepitosa impresa con il Barcellona in Champions League. Siamo arrivati ai quarti di finali giocando con il 4-3-3.

Ancora Schick dal primo minuto? "Non posso dare vantaggi". Quella volta abbiamo rischiato a metterli in campo e in questo caso non ci possiamo permettere più di sbagliare.

Cosa colpisce più di tutto di Dzeko? Il discorso si è spostato poi sull'importanza del successo col Barcellona: "Se cambia la storia del club? Dal punto di vista generale è un giocatore straordinario".

Breve ritorno su martedì sera: "Sono molto sereno, vedremo più avanti se la gara col Barcellona può cambiare la storia di questa società". Più delle scelte, l'importante è l'atteggiamento, oltre ai principi di gioco. "Lascio spazio agli altri, io quello che dovevo esternare l'ho fatto dentro lo spogliatoio".

Un aggiornamento sulle condizioni di Defrel e Perotti? .

"Saranno fuori entrambi, su Defrel non so dire mentre per Perotti penso sia recuperabile per la SPAL".

MANOLAS-FLORENZI IN DUBBIO - "Manolas e Florenzi anche sono in dubbio, oggi e domani decideremo".

La fisicità è una delle principali qualità della Roma? Questo schema è un grande valore aggiunto e potrebbe essere riproposto, ma potremmo tornare anche al 4-3-3. Ora lo deve fare sempre. "Il mio obiettivo era anche avvicinare un giocatore a Dzeko e mi ha dato risultati importanti, ma non è la medicina definitiva per tutto". "La fisicità è importante per diventare importanti in Italia e in Europa". Questo risultato ci deve dare grande consapevolezza, deve dare seguito alla crescita della mentalità. È una squadra rabbiosa, saranno feriti come lo eravamo noi dopo la Fiorentina.

"E' una grande gratificazione per la Roma". Sono partite che si preparano da sole. Ha davanti un giocatore bravissimo ad attaccare la profondità, noi dobbiamo stare veramente attenti.

La squadra è pronta per reggere fino alla fine della stagione? . I giocatori ci dovranno pensare dopo, io gli darò un occhio prima. La nostra gente aspettava da 34 anni questa gara. Hanno giocatori di gamba, non sarà facile, ma sono felice di potermela giocare. "Spero che si ripeta anche con le squadre meno blasonate". "La Lazio è la squadra più brava nel fare questo".

Raccomandato: