WhatsApp: 16 anni l'età minima per accedere al servizio, cosa cambierà realmente

17 Апреля, 2018, 17:40 | Autore: Piera Gizzi
  • WhatsApp come ripristinare foto e video cancellati.

"Affermi di avere 16 o più anni di età, di possedere il consenso da parte di genitore o tutore legale, e di essere pienamente in grado di accettare i termini, le condizioni, gli obblighi, le dichiarazioni e le garanzie definite in questi Termini di Servizio, e di attenersi a rispettare le presenti Condizioni".

Il Ministero del Digitale francese ha osservato che ad oggi nessuna delle principali app di messaggistica criptate al mondo, tra cui Whatsapp di Facebook e Telegram, che resta la preferita del presidente Emmanuel Macron, ha sede in Francia, il che aumenta il rischio di violazioni dei dati nei server che sono al di fuori del paese. Non è chiaro però come si potrebbero "espellere" dalla piattaforma e quali saranno le restrizioni al momento delle iscrizioni.

Forse sollecitata dalle pressioni di molti genitori accaniti e preoccupati per la precaria sicurezza dei figli sul web, la chat telefonica più frequentata metterà in atto, forse, un sostanziale mutamento. Il 25 maggio 2018, la piattaforma potrebbe alzare la soglia ai 16 anni.

Il Governo Francese, secondo quanto riportato da Reuters, starebbe sviluppando un proprio servizio di messaggistica criptato da utilizzare al posto di Whatsapp, a causa dei rischi legati alla possibile sorveglianza da parte di nazioni estere. E se non si ha disposizione uno smartphone con doppia SIM?

Tuttavia l'articolo 8 del Regolamento europea specifica che "gli Stati membri possono stabilire per legge un'età inferiore a tali fini purché non inferiore ai 13 anni". Cosa significa? Che i Paesi che lo vorranno - o che l'abbiano già stabilito con una legge ad hoc - potranno lasciare tutto com'è, allineandosi al divieto fissato a 13 anni da tutte le piattaforme sulla base di una legge statunitense approvata vent'anni fa e finora applicata da social e chat. Se è vero che i regolamenti europei sono automaticamente vincolanti e non hanno bisogno di una norma locale che ne recepisca le prescrizioni, è altrettanto vero che su questo specifico punto il provvedimento lascia un significativo margine di manovra ai Paesi.

Il cambiamento potrebbe avere effetti paradossali sull'utenza giovanile.

Raccomandato: