Sant'Antimo, arrestato il reggente del clan Puca: stava facendo la spesa

09 Mag, 2018, 02:01 | Autore: Santina Resta
  • Operazione dei carabinieri

Amodio Ferriero, indicato come l'attuale reggente del clan Puca di Sant'Antimo, si era organizzato di tutto punto per poter proseguire la fuga dalla Giustizia. L'accusa poggia anche sulle dichiarazioni del boss pentito Vincenzo Marrazzo dell'omonima famiglia criminale di Grumo Nevano. Dopo le formalità Ferriero è stato tradotto al centro penitenziario di Secondigliano.

Il latitante si nascondeva a Caserta, dove da alcuni mesi, secondo le indagini degli inquirenti, si nascondeva in una mansarda al sesto piano di un grande complesso edilizio a forma di ferro di cavallo, con tanto di supermercato al piano terra, che gli consentiva una quasi totale "autarchia", e che permetteva all'uomo di andare a fare la spesa senza essere visto sulla strada pubblica.

Ferriero era ricercato per l'omicidio del reggente di un clan contrapposto compiuto nel 2007, insieme ad altri sei uomini arrestati già nello scorso mese di marzo.

Durante la successiva perquisizione nel suo domicilio i militari hanno sequestrato 4900 euro in contante, una carta d'identità in bianco e 3 documenti (carta d'identità, patente e tessera sanitaria) riportanti le stesse generalità false ma la sua foto, infine 5 telefoni cellulari.

Raccomandato: