Banca Mps torna all'utile, la Borsa festeggia

11 Mag, 2018, 11:20 | Autore: Doriano Lui
  • Mps completa la cartolizzazione delle sofferenze

Banca del Monte dei Paschi di Siena sorprende il mercato con il ritorno all'utile e vede le sue azioni mettere a segno un rimbalzo con ben pochi precedenti dal ritorno a Piazza Affari. La banca senese chiude infatti il primo trimestre in positivo di 188 milioni, contro la perdita di 169 milioni dello stesso periodo del 2017.

Il risultato operativo lordo è rimasto sostanzialmente stabile a 304 milioni mentre il risultato operativo netto è passato da -3 milioni di euro a 166 milioni. La raccolta indiretta è a 95,3 miliardi, in calo rispetto al 31 marzo 2017 (-1,6 miliardi). Alla stessa data i crediti deteriorati lordi erano pari a circa a 42,6 miliardi di euro, in flessione di 0,3 miliardi rispetto a inizio anno. Mps ha completato il processo di cartolarizzazione e ha ottenuto il rating "investment grade" per tutta la tranche senior, di importo superiore alle attese del piano di ristrutturazione. La copertura dei crediti deteriorati è salita invece dal 65,5% al 68,8%. La garanzia statale Gacs sui titoli senior è prevista nelle prossime settimane e il deconsolidamento del portafoglio di sofferenze di 24,1 miliardi di euro è confermato entro il 30 giugno 2018. Una notizia che fa balzare il titolo in apertura di seduta a Piazza Affari, con un rialzo dell'8,3% a 2,95 euro.

Il common equity tier 1 ratio si è attestato a 14,4% (rispetto al 14,8% di fine 2017) ed il total capital ratio è risultato pari a 15,8% rispetto al 15,0% registrato a fine dicembre 2017. I ricavi complessivi sono scesi del 6% a 877 milioni di euro per la flessione del margine di interesse, sceso del 7,9% a 421 milioni di euro, e delle commissioni nette che si sono attestate a 407 milioni di euro (-4,6%).

Raccomandato: