Lars Von Trier: il suo nuovo film indigna Cannes 2018

15 Mag, 2018, 20:49 | Autore: Bianca Mancini
  • The House That Jack Built il trailer del nuovo film di Lars Von Trier è violento e disturbante

Durante l'edizione 2011, Lars von Trier venne messo al bando dal festival di Cannes, giudicato "persona non grata" in seguito alle sue esternazioni giudicate filo naziste alla conferenza stampa del suo film Melancholia. Non ci mettiamo troppo a notare che tutto il carico di violenza, snodato in sequenze che tornano ciclicamente sullo schermo, serve a coprire la mancanza di idee in The House That Jack Built. Pare, infatti, che alcuni spettatori abbiano abbandonato il proprio posto in sala e si siano dichiarati disgustati e disturbati.

La scena "incriminata" ha causato la fuoriuscita dalla sala di un centinaio di persone e pare ritraesse il protagonista del film, un serial killer interpretato da Matt Dillon, nell'atto di sparare a due bambini con un fucile da caccia, facendo saltare loro la testa. Ecco l'uomo in tutta la sua bruttezza, sembra dire Von Trier, irridendo come sempre a ogni aspirazione umana alla giustizia o alla bellezza, paragonate a desideri infantili. Dopo aver ammazzato una donna che gli aveva chiesto soccorso per strada, si convince di dover continuare a uccidere per raggiungere la perfezione. Una storia incredibile che doveva essere narrata con una buona dose di ironia, ma senza dimenticare che il KKK, oggi in declino, è stata un'organizzazione molto potente per più di un secolo ed è responsabile di centinaia di omicidi e linciaggi.

Raccomandato: