Debito pubblico, cresce ancora a marzo: +15,9 miliardi a 2.302,3

16 Mag, 2018, 23:42 | Autore: Doriano Lui
  • Il debito pubblico torna sopra quota 2.300 miliardi

Agenpress - Continua ad aumentare il debito delle Amministrazioni pubbliche. "E' chiaro che l'approccio alla formazione del nuovo Governo e l'approccio rispetto alla stabilità finanziaria deve essere quello di rimanere nel corso attuale, riducendo gradualmente il deficit e riducendo gradualmente il debito pubblico", ha chiarito il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, parlando dell'Italia e precisando che la Commissione raccomanderà di ridurre debito e deficit e di "mantenere gli impegni europei" così come richiesto anche dal capo dello Stato Sergio Mattarella.

M5s e Lega si esercitano in prove tecniche di Governo e Bankitalia pubblica il suo report su " Finanza pubblica, fabbisogno e debito" da cui si evince un dato sopra a tutti: il debito pubblico, a marzo, sfonda la quota di 2302 miliardi, aumentando di quasi 16 miliardi rispetto al mese precedente. L'incremento e' dovuto al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (20,1 miliardi), in parte compensato dalla diminuzione delle disponibilita' liquide del Tesoro (3,5 miliardi, a 44,8; erano 54,6 miliardi a marzo 2017) e dall'effetto complessivo degli scarti e dei premi all'emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e della variazione dei tassi di cambio (0,8 miliardi). Il record precedente era infatti a luglio scorso a quota 2.300. Il debito degli enti previdenziali è rimasto grosso modo allo stesso livello.

A fornire un quadro quanto più possibile dettagliato è stata ancora una volta Bankitalia, che ha alzato il velo sui conti del Belpaese nel tradizionale bollettino statistico appena reso noto sul mercato. Nel complesso dei primi tre mesi del 2018, invece, le entrate tributarie sono state pari a 91,7 miliardi.

Raccomandato: