Giornate contro l'omofobia, incontri al Mau

17 Mag, 2018, 12:46 | Autore: Santina Resta
  • Cuba contro omofobia e transfobia

Si celebra oggi la Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia, una presa di posizione da parte del mondo che per un giorno si schiera dalla parte di una minoranza spesso soggetta ad abusi e soprusi, privata di diritti fondamentali riconosciuti invece al mondo eterosessuale. A presentarlo, questa mattina (16 maggio) sono stati il referente per i diritti del sindaco di Lucca, Daniele Bianucci, l'assessore al sociale e alle politiche giovanili del Comune di Capannori Lia Micciché e della dirigente della Provincia di Lucca Rossana Sebastiani.

"L'impegno della Regione Emilia-Romagna per rendere strutturali tutti gli interventi antidiscriminatori deve proseguire - afferma Mori - possiamo estendere alle persone Lgbt le azioni pubbliche di prevenzione educativa e culturale dell'odio omotransfobico, delle violenze e degli atti di bullismo, purtroppo sempre più numerosi, che minano il benessere delle ragazze e dei ragazzi anche in Emilia-Romagna". E stasera e domani, a cavallo appunto della giornata mondiale che ricorre proprio il 17 maggio, grazie a particolari giochi di luce, si coloreranno dei colori dell'arcobaleno tre luoghi significativi del territorio: la Cavallerizza in piazzale Verdi; il Municipio di Capannori; il ponte di Rivangaio, sulla strada provinciale Lodovica che porta in Valle del Serchio. “Accolgo con piacere - ha concluso Funaro - le tante iniziative organizzate dal Quartiere 5 per la Giornata internazionale contro lomofobia, la bifobia e la transfobia e spero che le molte iniziative proposte offrano molteplici spunti di riflessione a favore della pari dignità di tutte le persone e contro le discriminazioni”. Sul palco ci saranno letture sceniche, band locali, musica e performance canore e il tutto si concluderà con un dj-set.

In una recente indagine realizzata da Amnesty International in collaborazione con Doxa, "Gli italiani e le discriminazioni", per quanto riguarda le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale si legge che il 61,3% dei cittadini tra i 18 e i 74 anni ritiene che in Italia gli omosessuali siano molto o abbastanza discriminati.

Lunedì prossimo (21 maggio), arriva a Lucca Monica Cirinnà, che ha legato il suo nome alla Legge per l'istituzione delle Unioni civili. Inoltre, ci sarà l'iniziativa 'Le nostre storie', racconti di vita con la partecipazione di tutte le associazioni che hanno collaborato.

Raccomandato: