Un operaio di 28 anni muore all'Ilva travolto da una fune

17 Mag, 2018, 12:43 | Autore: Santina Resta
  • Incidenti sul lavoro muore un operaio all'Ilva di Taranto

Una nuova morte sul lavoro, questa volta presso lo stabilimento Ilva, nota multinazionale dell'acciaio con sede a Taranto, in Puglia.

In base a fonti sindacali, nel corso del cambio funi per la macchina scaricatrice DM6, un cavo sarebbe saltato nella fase di ancoraggio della parte finale travolgendo il lavoratore. "Sul posto sono interventi immediatamente i vigili del fuoco, il personale sanitario interno e i medici del 118 per cercare di rianimare il dipendente subito accasciatosi dopo l'accaduto". "Lotteremo anche per te, un lavoro in cui si perde la vita è una vergogna nazionale". Sono in corso da parte dell'azienda tutte le indagini per poter risalire alle cause dell'evento. "La gru DM6 era ferma da due giorni per attività di manutenzione", spiegano gli amministratori dell'azienda. "L'azienda - conclude Ilva - esprime profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia di Angelo Fuggiano e a tutti i suoi cari". Fim, Fiom, Uilm e Usb ritengono "non più rinviabile una seria discussione sull'intero sistema degli appalti che vengono ancor più aggravate dallo stallo della trattativa Ilva in cui uno dei punti delle nostre rivendicazioni è l'avvio di un vero e proprio codice degli appalti".

Duro anche il giudizio di Francesca Re David, segretaria generale della Fiom: "È inaccettabile quanto sta accadendo". Contestualmente, i sindacati chiedono al prefetto Donato Cafagna "una celere convocazione per rappresentare la grave e oramai non più sostenibile situazione". Tragedia in un cantiere che fa parte dell'appalto Ilva al porto di Taranto.

Raccomandato: