Whitney Houston abusata da piccola dalla cugina Dee Dee Warwick

18 Mag, 2018, 14:41 | Autore: Bianca Mancini
  • Whitney Houston da bambina fu vittima di abusi da parte di sua cugina

In un'intervista a Vanity Fair il regista premio Oscar ha raccontato che nei video privati di Whitney Houston, raccolti per realizzare il documentario, si nota che "non era mai a suo agio". Whitney Houston è stata ed è tutt'oggi una delle più grandi dive della storia della musica ma, come accaduto a tante altre leggende come lei, l'affetto del pubblico ed il successo non sono bastati a far tacere i fantasmi del passato, sempre presenti nella sua testa.

La cantate è morta l'11 febbraio 2012 a soli 48 anni per annegamento accidentale nella vasca da bagno, l'autopsia ha rivelato che Whitney Houston faceva uso di droghe, alcol e medicinali e che l'incidente si sia verificato a seguito dell'abuso di queste sostanze.

Perché il regista scozzese Kevin Macdonald ha voluto girare un documentario su Whitney Houston? Il fratellastro dell'artista, ex giocatore di basket NBA Gary Garland, afferma che sia lui che Whitney siano stati abusati sessualmente da Dee-Dee quando avevano tra i sette e i nove anni.

Un'accusa che trova conferma nelle dichiarazioni dell'assistente della Houston, Mary Jones, la quale dice di aver raccolto la confidenza di Whitney che affermava di essere stata "molestata in giovane età" da una donna. Sembrava asessuata. Era una donna bellissima, ma non era mai particolarmente sexy. Ho visto e fatto delle riprese con persone che avevano subito abusi sessuali durante l'infanzia - ha spiegato Macdonald - e c'era qualcosa nel suo modo di fare che mi ricordava quel tipo di comportamento. "Poco dopo averlo pensato, qualcuno mi ha detto di essere stato informato che Whitney era stata vittima di abusi" ha dichiarato Macdonald, che ha girato il film con il benestare della famiglia Houston.

Raccomandato: