Casa » Sport

Yaya Touré: "A Guardiola non piacciono gli africani"

06 Giugno, 2018, 02:07 | Autore: Eufebio Giannola
  • Yaya Tour

Il centrocampista ivoriano ha infatti rilasciato un'intervista al quotidiano francese France Football in cui si scaglia contro l'allenatore e il titolo dell'articolo non ha bisogno di tante spiegazioni: "Voglio essere colui che rompe il mito Guardiola". "Il trattamento di Guardiola nei confronti di Yaya al Manchester City non è un errore, ma un crimine che avrà delle conseguenze - riporta Sport24 -".

E ancora: "Sono arrivato a chiedermi se tutto questo non fosse a causa del mio colore e so di non essere l'unico ad essermi posto questa domanda".

Effettivamente le presenze di Yaya Touré sono calate drasticamente nell'ultima stagione: 17 presenze in tutto, appena 10 in Premier League e soltanto una, come detto, da titolare. "Quando vedi i problemi che spesso ha avuto con i giocatori africani, ovunque sia stato, mi faccio delle domande". "Forse noi africani non siamo trattati da alcuni allo stesso modo degli altri". Ho persino chiesto le mie statistiche ai preparatori atletici e quando ho capito che erano più o meno buone, sia in allenamento che in partita, come quelli che giocavano ed erano più giovani di me, ho capito che non era questione di livello fisico. Un bottino ridicolo per un calciatore del calibro di Touré che con il Manchester City non vuole avere più nulla a che fare. Queste le sue forti dichiarazioni: "Ero il vicecapitano e davanti a tutti mi dice: 'Non ti vedo motivato". Se non vuoi restare, vai dai proprietari per sistemare la situazione'. "Il giorno in cui allenerà una squadra nella quale ci sono cinque africani non naturalizzati gli manderò una torta". "Una mancanza di rispetto assoluta, un qualcosa di insopportabile".

"Era crudele, è come se avesse cercato in ogni modo di rovinare la mia ultima stagione al City - continua l'ivoriano -".

Raccomandato: