Alleati Usa e Nato, ma dialogo con Mosca

09 Giugno, 2018, 12:14 | Autore: Santina Resta
  • ANSA TRENTA ALLA NATO ITALIA RISPETTERA E ONORERA IMPEGNI PRESI

E, dopo la presa di posizione dell'ambasciatrice alla Nato sull'apertura sulle sanzioni del premier Conte, specifica che l'Italia resta nella Nato anche se dialoga con tutti. Lo ha detto il ministro al Lavoro, Luigi di Maio, a margine di un incontro con i vertici della Leonardo nello stabilimento di Pomigliano d'Arco.

Lo ha già detto e lo ribadisce: l'Italia resta un alleato degli Stati Uniti e il Governo "vuole lasciare l'Italia negli accordi e nelle alleanze" tradizionali.

"Non saremo un Governo supino alla volontà di altri governi - ha aggiunto - hanno capito (riferendosi al tema dell'immigrazione e al negoziato sul trattato di Dublino, ndr) che in Italia non c'è un Governo che dice sissignore".

I rapporti con la Nato restano un punto cardine del nascente governo giallo-verde: "restiamo nella Nato e alleati degli Stati Uniti, ma portiamo avanti anche il dialogo con gli altri Paesi, come la Russia, così come è sempre stato".

L'Italia "storicamente ha avuto una funzione nell'ambito dell'Alleanza occidentale e nell'ambito della Nato - aggiunge Di Maio - di dialogo con i Paesi dell'Est, Paesi come la Russia ma anche con quelli del Mediterraneo e del Nord Africa che oggi sono quelli che ci permetteranno di risolvere anche il problema dei flussi migratori".

Così Di Maio a proposto delle sanzioni a Mosca. "Per quanto riguarda le limitazioni delle sanzioni, non siamo stati noi a introdurle, senza dubbio; approveremmo un approccio di buonsenso e ponderato". Le dichiarazioni "del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Parlamento italiano dimostrano l'intenzione del capo del nuovo governo di cooperare con il nostro Paese: la Russia intende fare altrettanto". "Su queste questioni si agisce, non si annuncia".

Raccomandato: