Canada, G7: l'arrivo del premier Conte in Quebec

09 Giugno, 2018, 05:38 | Autore: Santina Resta
  • Donald Trump

Sullo sfondo dei lavori del vertice annuale dei paesi più industrializzati c'è la sfida commerciale imposta dagli Stati Uniti dopo l'imposizione dei Dazi. Juncker ha incontrato il presidente del Consiglio: "Ho avuto un buon colloquio con Conte, lo rivedrò prima del vertice, parleremo con lui di immigrazione e budget europeo". "Diamo più importanza ad altri formati", ha dichiarato. L'inquilino dell'Eliseo ha detto ai giornalisti che la posizione degli Usa impone di "riforgiare il fronte europeo".

"Alla Russia dovrebbe essere permesso di tornare nel G8". "E' nell'interesse di tutti". Lo scrive sui social il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

A poche ore dall'appuntamento in Canada era circolata persino voce che Trump non voleva proprio presentarsi al G7, cosa che avrebbe rappresentato uno strappo senza precedenti.

"Perché stiamo per tenere un meeting senza la Russia?"

"Dovremmo avere la Russia al tavolo delle negoziazioni", aggiunge il presidente degli Stati Uniti, riferendosi alla posizione che gli altri leader hanno assunto nei confronti di Mosca dal 2014 dopo la crisi legata alla Crimea.

Un'apertura che tuttavia trova una gelida risposta dal Cremlino. Con il presidente Xi Jinping Putin parteciperà tra l'altro al vertice dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). Poi ha aggiunto, velatamente ironico "impaziente di vederli domani". "Siamo aperti al dialogo, ma questo non significa stravolgere un percorso definito, legato anche all'attuazione degli accordi di Minsk" l'ultima versione di Conte. "Potrebbe essere politicamente non corretto, ma abbiamo un mondo da gestire e dovrebbero permettere alla Russia di rientrare".

Raccomandato: