Casa » Sport

La Procura Federale apre un fascicolo su Spezia-Parma

09 Giugno, 2018, 18:56 | Autore: Eufebio Giannola
  • Alberto Gilardino sbaglia il rigore in Spezia-Parma

In pratica nei messaggi ci sarebbero stati riferimenti ambigui alla prestazione in difesa dello Spezia, quasi un invito a non metterci troppo cuore magari spingendo anche sulle differenti motivazioni di classifica, con i padroni di casa già fuori da qualsiasi discorso di play-off e il Parma, invece, in piena lotta per la promozione diretta in Serie A senza passare dagli spareggi. Sono stati ascoltati dalla Procura anche Ceravolo e Calaiò.

La Procura Federale ha infatti aperto un fascicolo sulla partita in questione, trovando soprattutto due elementi che non covincono per niente gli investigatori. Nei giorni scorsi la procura federale ha ascoltato due giocatori della squadra ligure e due dirigenti (l'ad Micheli e il team manager Pinto), ieri, come confermato dalla società emiliana, due giocatori del Parma, Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo.

In attesa di ulteriori sviluppi, il timore della Parma calcistica è quella dell'apertura di un processo sportivo che, nella migliore delle ipotesi, potrebbe portare al coinvolgimento del club per responsabilità oggettiva, mettendo a rischio l'esito dell'ultimo campionato di Serie B e rimettendo in discussione il verdetto del campo, con i ducali secondi e il Frosinone, terzo solo per la peggiore differenza reti negli scontri diretti, costretto a disputare i playoff.

Vi è ancora grande incertezza, l'accusa è ancora da dimostrare, a creare grandi dubbi è il rigore sbagliato da Alberto Gilardino nel corso del primo tempo quando il Parma conduceva per 1-0 e che l'ex Palermo lo ha tirato alto. Dopo averli ricevuti, i due calciatori dello Spezia hanno evitato di rispondere e preferito mettere in preallarme la Procura, anche per non incorrere nell'omessa denuncia.

Bisogna stabilire se sono coinvolti altri tesserati del Parma e lo stesso club ma al momento l'ipotesi pare esclusa. Ora è importante analizzare le parole di Calaiò e Ceravolo, già interpellati a riguardo, per capire se il fascicolo sarà archiviato o se verranno emessi i deferimenti.

Raccomandato: