Pappano suona a aeroporto Fiumicino

11 Giugno, 2018, 13:27 | Autore: Santina Resta
  • Roma, finto prete arrestato a Fiumicino: aveva 3 chili di eroina nella borsa del pc

Poi, dall'ispezione dei bagagli, sono spuntati fuori tre chili di eroina purissima nascosti nella custodia di un pc.

A quel punto il "finto missionario" ha provato ad intimorire i militari, agitano la croce che portava al collo e minacciandoli di "scomunica".

Una volta fermato sembra che l'uomo alle prime domande poste dai finanzieri del gruppo di Fiumicino avesse risposto di avere la cittadinanza americana e di essere arrivato a Roma da un viaggio nel Mozambico e di essere passato dall' aeroporto di Lisbona dopo un viaggio missionario.

Nel corso del controllo dei documenti, i militari hanno scoperto che la sua vera cittadinanza era in realtà nigeriana e che era in possesso solamente di una semplice richiesta di cittadinanza statunitense, mai accolta, utile esclusivamente a trarre in inganno i finanzieri. I sospetti dei finanzieri hanno trovato conferma quando, all'interno dell'imbottitura della borsa porta computer, hanno scoperto in appositi doppifondi circa tre chilogrammi di eroina purissima, destinata ad alimentare il mercato del litorale romano.

L'Eroina sequestrata all'uomo avrebbe permesso di immettere sul mercato circa 25.000 dosi che sicuramente avrebbero garantire trafficanti dei guadagni per oltre un milione di euro.

È in crescita un fenomeno sempre più preoccupante: il ritorno al consumo dell'eroina, la cosiddetta "droga dei poveri".

Raccomandato: