Governo ultime notizie: nave Aquarius, dove si trova e perché

13 Giugno, 2018, 13:37 | Autore: Santina Resta
  • Migranti Salvini sta nascendo un asse italo-tedesco

"Non si chiude oggi la partita, ma è un primo e importante segnale che l'Italia non può sostenere da sola questo onere".

"Ringrazio il premier spagnolo Sanchez per aver accolto l'Aquarius dopo che l'Italia ha infranto le regole internazionali e ha provocato uno stallo", scrive su Twitter il premier maltese Joseph Muscat. "Basta. Salvare le vite è un dovere, trasformare l'Italia in un enorme campo profughi no. L'Italia ha smesso di chinare il capo e di ubbidire, stavolta C'È CHI DICE NO". Sgombrato il campo da questa questione la sostanza è che per la prima volta l'Italia ha negato l'approdo ad una nave. "Tra cui numerosissime donne e bambini" e "tutti noi, ahimé, paghiamo l'instabilità portata dai francesi in Libia e a sud della Libia". "Noi continueremo con la linea del buonsenso e della condivisione". Infine, "stiamo lavorando anche sui vari livelli di protezione perché ci sono delle particolarità tutte italiane che non si capiscono", ha aggiunto.

Così il ministero dell'Interno Matteo Salvini in conferenza stampa dalla sede della Lega a Milano. Poi si sa che tendenzialmente con l'avanzare dell'età si diventa più nervosi. "Più grande di chi vuole speculare senza un briciolo di umanità". La contesa sorta tra il ministro degli Interni Matteo Salvini e il Governo di Malta preoccupava le autorità europee e ha messo a rischio il rispetto dei diritti garantiti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo.

Invece, il leader cinquestelle è rimasto a Roma, lasciando che fosse il presidente della Camera, Roberto Fico, a mostrare la faccia dello Stato in quell'inferno di sudore e sangue, senza che dalla sua bocca, a causa del ruolo super partes che riveste, uscisse una sola parola per descrivere un futuro diverso. Il Mediterraneo è il mare di tutti i Paesi che vi si affacciano e non si può immaginare che l'Italia continui ad affrontare questo fenomeno gigantesco in solitudine. "Quindi o diventa solidale o diventa un problema per il Paese". In primo luogo servirà cooperazione prima con gli altri stati dell'Unione. Diventa un caso il post del sindaco di Livorno Filippo Nogarin, pubblicato su Facebook e poi rimosso, in cui annunciava l'apertura del porto a nave Aquarius: "Resta la mia posizione, non voglio creare problemi al governo". Come ha segnato in agenda Salvini bisognerà incontrarsi con la Libia e impegnarsi affinché la buona riuscita dell'incontro non significhi bloccare i migranti nei disumani centri di accoglienza libici. L'opposizione credibile e necessaria alla svolta che il Paese sta prendendo sui temi dell'integrazione, dell'accoglienza e della solidarietà e relegata al blocco sociale che in queste ore sta andandosi a coagulare qui fuori, ai sindaci che hanno deciso di alzare la voce e alle associazioni che da sempre sostituiscono lo Stato (o addirittura lo combattono) per mantenere potabili livelli di assistenza.

Raccomandato: