Migranti, presidio di protesta contro la chiusura dei porti

13 Giugno, 2018, 15:32 | Autore: Santina Resta
  • Assessore: in piazza per porti aperti

Cosa accadrà, dunque, se Malta non autorizzerà l'ingresso della Aquarius nei suoi porti?

Nel Mediterraneo, infatti, i flussi migratori verso le coste del Bel Paese continuano senza sosta. E aggiungo: è un azzardo politico e umanitario, fatto sulla pelle di 629 migranti", "il ministro dell'Interno dichiara di voler chiudere i porti italiani, Malta risponde che la competenza non è sua.

"Il rifiuto di accesso ai porti di imbarcazioni che abbiano effettuato il soccorso in mare può comportare la violazione degli articoli 2 e 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU). L'Italia ha smesso di chinare il capo e diubbidire, stavolta c'È CHI DICE NO.#chiudiamoiporti" scrive su Twitter il ministro dell'Interno.

Insieme senza muri ha organizzato una manifestazione per domani, 12 giugno, in piazza Scala chiedendo a tutti i partecipanti di portare un drappo bianco.

La risposta de La Valletta non si è fatta attende e il governo maltese tiene duro.

Per questo, uniti, esortiamo le autorità competenti a vietare nelle competizioni elettorali la presentazione di liste direttamente o indirettamente legate a organizzazioni, associazioni o partiti che si richiamino al fascismo o al nazismo, come sostanzialmente previsto dagli attuali regolamenti, ma non sempre applicato, e a proibire nei Comuni e nelle Regioni iniziative promosse da tali organismi, comunque camuffati, prendendo esempio dalle buone pratiche di diverse Istituzioni locali.

A tarda sera il premier Giuseppe Conte, impegnato per ore in un vertice con Salvini e Di Maio, annuncia: "E' stato disposto l'invio di due motovedette con medici a bordo pronti a intervenire al fine di garantire la salute di tutti gli occupanti dell'Aquarius che dovessero averne necessità". Nessuna persona è illegale, oppure Ama il tuo prossimo se ha i documenti. Ma "Muscat pur comprendendo la situazione, non ha assicurato alcun intervento anche in chiave umanitaria". Da oggi anche l'Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell'immigrazione clandestina.

Anche il primo cittadino di Livorno, Filippo Nogarin, si è detto disponibile a far attraccare nel porto della città toscana la nave della Ong Sos Mediterranée. Non Forza Italia, però, che, almeno in questa occasione, sta accanto al governo Lega-M5s.

Anche la sindaca di Barcellona, Ada Colau, ha offerto l'approdo nel porto della città catalana alla nave Aquarius. "Vogliamo salvare le vite".

Raccomandato: