A luglio circa 3,5 milioni di pensionati riceveranno la "quattordicesima"

22 Giugno, 2018, 08:38 | Autore: Doriano Lui
  • Pensioni notizie oggi Quota 100 è difficile Elsa Fornero scettica sui fondi

Quanto si perderebbe sull'assegno con la quota 41? A sostenerlo è Marcello Pacifico, Presidente Nazionale del sindacato della scuola Anief a seguito delle insistenti indiscrezioni sull'approvazione. L'onorevole Walter Rizzetto ha pubblicato tramite Facebook il testo: "Va prorogata, almeno al 31 dicembre 2019, la misura sperimentale "Opzione donna", prevista dalla legge n. 243/2004 e successive modifiche, che consente alle lavoratrici di 57-58 anni di età anagrafica e 35 anni di contributi di andare in pensione con un assegno calcolato con il sistema contributivo". L'unica certezza è quella dei tempi brevi.

Molti lavoratori precoci quindi hanno scritto alla Fornero per evidenziare che il governo sta peggiorando la sua riforma.

Quindi, se un singolo pensionato che vive da solo percepisce una pensione mensile di 550 euro, grazie alla nuova misura prevista dal nuovo governo vedrebbe integrarsi la pensione per un importo di 230 euro, ossia fino a 780 euro.

Possibili paletti per la Quota 100? Solamente il 44,3% di costoro, beneficia di prestazioni legate a requisiti reddituali bassi, come la integrazione al minimo, pensioni e assegni sociali, maggiorazioni sociali o pensione di invalidità civile.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Per il momento si tratta ancora di indiscrezioni, ma è quanto ha lasciato comprendere il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, secondo il quale le riforme non devono interferire con l'impegno imprescindibile di ridurre il debito. L'Adepp (l'associazione che riunisce le casse di previdenza privata) ha fatto sapere il numero è in assoluto aumento, con tanti che iniziano a scegliere di aderire a questa nuova modalità per poter anticipare l'uscita dal mondo del lavoro "riunendo" la contribuzione frammentata di tutti gli anni di lavoro. Inoltre, per ottenere la pensione anticipata quota 41 bisogna appartenere a una delle seguenti categorie tutelate: disoccupati di lungo corso, caregiver (che curano un familiare convivente disabile sino al 2° grado), invalidi dal 74%, addetti ai lavori gravosi, addetti ai lavori usuranti.

Secondo la normativa attuale, questa pensione potrà essere ottenuta anche nel 2019 e negli anni a venire, previa disponibilità delle risorse: tuttavia, dal 1° gennaio 2019 il requisito previsto salirà a 41 anni e 5 mesi di contributi.

I pensionati che rispondono a tutti questi criteri, non dovranno rivolgersi all'INPS per ricevere la quattordicesima.

Raccomandato: