Russia 2018, Deschamps: "Messi è Messi, ha un grande impatto"

30 Giugno, 2018, 19:54 | Autore: Bianca Mancini
  • Russia 2018, Deschamps: «Messi è Messi, ha un grande impatto»

A far piangere "sua maestà" Leo stavolta è la Francia, storicamente specializzata nel "ghigliottinare" nobili e sovrani, che nell'ottavo di finale di Kazan mostra individualità e tecnica ma anche organizzazione e uno spirito di squadra esaltato dai colpi di Mbappé. Prima il vantaggio dell'Albiceleste con Marcado, dopo tre minuti dall'inizio della ripresa. Per la Francia spazio a Giroud. Senza punte no è però facile pungere e i cross di Pavon sono facile preda dei difensori avversari e di Lloris, che sembra poter arrivare al riposo indenne e senza troppi grossi affanni. Al 55' il giallorosso Fazio, entrato nel secondo tempo al posto di Rojo, rischia di combinare un pasticcio, anticipando l'uscita del portiere Armani e favorendo quasi involontariamente l'accorrente Griezmann, anticipato poi dallo stesso estremo difensore. "Il team dell'Argentina non è costruito intorno a Messi - aggiunge Deschamps - ma lui comunque ha un grande impatto, basti pensare a quanti gol ha fatto e al fatto che, in un attimo, può decidere una partita".

SI SCATENA MBAPPÉ - È solo il preludio del pari che arriva due minuti dopo con una magia dell'uomo che non ti aspetti: è infatti Pavard a raccogliere una palla vagante al limite dell'area per spedira all'incrocio con una fantastica volée di esterno destro. L'inerzia del match è di nuovo rovesciata e la Francia ne approfitta immediatamente con lo scatenato Mbappé, che si libera in area e non lascia scampo ad Armani. Matuidi era diffidato, salta il quarto di finale. Ma l'Argentina è anche esperienza e lo stile sudamericano, voglio dire che sono dei guerrieri. E in attesa della sfida delle ore 20 tra il Portogallo di Cristiano Ronaldo e l'Uruguay del maestro Tabarez e di Cavani, la prima sfida della serie è di quelle capaci di incollare davanti alla tv milioni di spettatori.

Raccomandato: