Casa » Sport

Juve, Emre Can si presenta: "Qui per la mentalità vincente"

10 Luglio, 2018, 19:24 | Autore: Eufebio Giannola
  • Juve Emre Can

Ora sono qui e lui è molto contento per me.

A proposito di Cristiano Ronaldo, la risposta è molto diplomatica.

Nel corso degli otto anni di mercato della Juventus gestiti in prima fila da Beppe Marotta e Fabio Paratici non si contano i colpi da urlo.

La Juve nel presente e anche nel destino del centrocampista, che rivela un aneddoto della sua infanzia: "Il mio primo allenatore veniva da qui e quando avevo 6-7 anni mi disse 'un giorno giocherai per la Juventus'". E il tedesco si è mostrato entusiasta: "Sarebbe grandioso giocare con lui". In questo senso, come già ricordato in precedenza, per capire il vero utilizzo di Emre Can nella Juventus bisognerà aspettare che la società termini la campagna acquisti perchè altre sorprese potrebbero arrivare.

C'è da dire che male che vada nulla potrà essere più light di questo, deludente no, perché si sapeva prima, ma è sempre bene tenersi leggeri prima del grande pasto, per non rimanere vittime di un colpo di calore e svegliarsi rimbambiti realizzando di aver fatto un bellissimo sogno sotto il sole di luglio. Conosco la mentalità vincente del club e io sono venuto qui per vincere nuovi titoli.

"Lo conoscevo già da prima e so che è un club grandissimo, lo si capisce dalla sede, dalle strutture". I bianconeri hanno salutato Vinovo e hanno dato il via alla nuova stagione nel J-Training Center. Ha le idee chiare, Emre Can, nel primo giorno da giocatore della Juventus. "Credo che il primo obiettivo sia vincere la Serie A, poi vincere la Champions, aiuterò la squadra e tutti insieme possiamo farcela". "Ma la Juventus ha un progetto enorme ed io ne voglio far parte". Mi piace giocare in diverse posizioni, sono a mio agio da centrocampista, mi piace aiutare anche la difesa. "Non so se ci sono stati contatti tra il club e il giocatore, sono concentrato sulle mie cose" risponde il 24enne, che riporta subito la conferenza sui suoi binari.

"Sì, mi ha accolto bene come tutti i ragazzi dello spogliatoio". Avevi un idolo o un modello da bambino? Mi hanno chiesto di come sia andata dopo l'infortunio, delle vacanze.

Raccomandato: