Casa » Sport

Napoli: Ancelotti, essere competitivi ovunque

11 Luglio, 2018, 19:26 | Autore: Eufebio Giannola
  • Il tweet di Benzema fa sognare i tifosi del Napoli

Durante la conferenza stampa di presentazione, Carlo Ancelotti ha spiegato i motivi che l'hanno convinto a sposare il Napoli: "Il Napoli hanno creduto nelle mie capacità, poi la voglia di tornare in Italia e il progetto molto interessante mi hanno convinto". Arrivo nello stesso anno di Ronaldo?

Poi ecco la stoccata al suo ex tecnico Maurizio Sarri.

De Laurentiis, infatti, potrebbe regalare una chicca di mercato ai tifosi del Napoli. Del resto certe cose sono sotto gli occhi di tutti: "potevamo fare 1-2 punti in più della concorrenza, non ci fossero stati certi errori". Inglese ha grandi potenzialità a mio parere. Sono solo arrabbiato perché a livello imprenditoriale il calcio italiano non potrà sfruttare l'arrivo di un simile campione. "Mi sono battuto invano per assegnare i diritti tv solo per un anno". C'è una squadra che mi soddisfa dal punto di vista tecnico. Penso all'Inter, per esempio.

GLI OBIETTIVI - "Noi dobbiamo pensare a fare la nostra strada e arrivare il più lontano possibile". Sono contento che Ronaldo sia venuto in Italia. Ho ammirato il lavoro di Sarri e non voglio cancellare quanto fatto perché sono migliorati tutti. Il modulo? Possiamo farne più di uno, anche in fase di possesso e non possesso.

HAMSIK REGISTA - "Hamsik può ricoprire perfettamente il ruolo di Jorginho". Può giocare prima punta, dietro la punta, non può fare l'ala, ma l'attaccante esterno.

È soddisfatto dei primi rinforzi arrivati sul mercato?

Carletto ovviamente ha garantito che in caso di trasferimento in bianconero troverebbe un grande allenatore con cui conviverebbe a meraviglia, un coach che punta forte sui rapporti umani e sa farsi volere bene da tutti i suoi giocatori. Mertens? Non credo possa fare l'ala, ma può giocare tra le linee senza problemi. Avrò la possibilità di variare. Quest'anno la fiducia della piazza per poter contrastare la Juve è più che mai riposta su Ancelotti, il top player tra i tecnici scelto da De Laurentiis. Che gruppo mi aspetto? Abbiamo cercato di aggiungere dei giovani molto bravi, che ho studiato anche personalmente in questo periodo di inattività. Stiamo scegliendo i profili giusti insieme alla società. "I top player non sono solo quelli che guadagnano di più".

"Cristiano Ronaldo? E' stato scritto che ho parlato con lui, Benzema, Di Maria, Cavani, David Luiz". Ho perso il conto. Sono in ottimi rapporti con ognuno di loro, è vero: ma non ho mai imposto dei giocatori a una società. Ognuno ha le sue strategie e possibilità. Non siamo qui a pettinar le bambole, siamo qui per vincere, per cercare di vincere.

"Il Napoli è già cresciuto, parlerei di continuità". I 91 punti sono la prova che il Napoli ha fatto un campionato super, il massimo. "Mi sono stupito due anni fa col Real quando andammo fuori e anche l'Uefa la metterà".

Lo scudetto sarà ancora l'obiettivo principale, allora? A marzo il Napoli dovrà essere in corsa su tutti i fronti.

Raccomandato: