Thailandia, tutti salvi: ragazzi e allenatore usciti dalla grotta dopo 17 giorni

11 Luglio, 2018, 13:10 | Autore: Santina Resta
  • Manca l’ossigeno nella grotta è sempre più emergenza

Alle operazioni di soccorso partecipano gli stessi sub che hanno estratto ieri quattro dei loro compagni.

I 12 ragazzi intrappolati saranno divisi in un primo gruppo di quattro persone, seguiti da tre gruppi di tre.

I medici che si stanno occupando dei ragazzi hanno tenuto una conferenza stampa per informare sulle condizioni dei piccoli calciatori. Lo ha detto questa mattina un medico dell'ospedale Prachanukroh di Chiang Rai, dove i ragazzi sono ricoverati.

Ai ragazzi sono stati fatti dei prelievi: alcuni campioni sono già stati inviati a un laboratorio di Bangkok per analisi approfondite ed escludere infezioni non riconosciute nel centro locale.

La speranza è quella di percorrere tutto il cunicolo della grotta più velocemente rispetto ai viaggi di recupero precedenti.

Come sono stati scelti i primi quattro? Autorità e genitori dei bambini sono al corrente dei rischi della decisione, ma la nuova ondata di maltempo che nelle prossime ore investirà la zona ha spinto a trovare una soluzione alternativa al piano originario che si sarebbe potuto completare in circa due mesi, stando alle stime degli esperti.

Resta comunque alto il pericolo di eventuali ripercussioni sulla psiche dei ragazzi. Hanno fatto un tracciato identico a ieri ma l'hanno percorso più rapidamente, oggi ci sono volute sei ore contro le otto di ieri. Restano ancora ignote le identità dei "cinghialotti" estratti.

I genitori sanno solo che otto tra i loro figli sono sani e salvi, ma ignorano chi tra loro può tirare un sospiro di sollievo e chi deve invece continuare a sperare.

Nel pomeriggio (mattinata italiana) sono stati estratti tutti i ragazzi e l'allenatore. La pagina Twitter dei Navy Seal thailandesi lo ha annunciato con queste parole: "Non sappiamo se si tratta di un miracolo, scienza o altro". Sono aiutati da altri 50 sub, provenienti da tutto il mondo e da duemila soccorritori. "Abbiamo compiuto una missione che tutti giudicavano impossibile", ha raccontato il capo dei soccorsi.

Raccomandato: