Ronaldo alla Juve fa infuriare gli operai Fca: sciopero a Melfi

12 Luglio, 2018, 17:44 | Autore: Bianca Mancini
  • Il logo di FCA Fiat Chrysler Automobiles

Cristiano Ronaldo alla Juventus fa sognare tutti. Non fosse che, in analoghe circostanze, nessuna levata di scudi è andata in scena per l'acquisto da parte del club campione d'Italia di Gonzalo Higuain per 90 milioni o per l'ingaggio versato al pilota più pagato della Formula 1, il ferrarista Sebastian Vettel. Dopo le perplessità dell'operaio fca di pomigliano, che all'agenzia dire aveva spiegato che i dipendenti dell'ex fiat non prendono un aumento da 10 anni, è arrivata la nota del sindacato.

Si legge nel comunicato, che prosegue: "Ci viene detto che il momento è difficile, che bisogna ricorrere agli ammortizzatori sociali in attesa del lancio di nuovi modelli che non arrivano mai". E mentre gli operai e le loro famiglie stringono sempre di più la cinghia, la proprietà decide di investire su un'unica risorsa umana tantissimi soldi!

Ed è per questo che lo stabilimento ha deciso di scioperare: dalle 22 di domenica 15 luglio, fino alle ore 6 di martedì 17 luglio gli operai incroceranno le braccia per protestare contro la spesa pazza degli Agnelli. "Sappiamo che il tuo lavoro è fare il calciatore - scrivono in una missiva scritta insieme ad alcuni operai di altri stabilimenti del gruppo Fca - ma prima del lavoro e dei doveri che questo impone, in ogni uomo c'è prima di tutto la sua dignità. E' normale che una sola persona guadagni milioni e migliaia di famiglie non arrivino alla metà del mese?". Una cifra sicuramente elevata ma nemmeno troppo se si pensa all'incredibile ritorno d'immagine (e, in seconda battuta, anche economico) che l'arrivo di una vera e propria star mondiale porterà nelle casse dei bianconeri. Gli operai Fiat hanno fatto la fortuna delle proprietà per almeno tre generazioni, arricchiscono chiunque si muova intorno a questa società, e in cambio hanno ricevuto sempre e soltanto una vita di miseria. La proprietà dovrebbe investire in modelli auto che garantiscano il futuro di migliaia di persone piuttosto che arricchirne una soltanto, questo dovrebbe essere il fine di chi mette al primo posto gli interessi dei propri dipendenti.

Raccomandato: