Draghi: nessun giudizio sul governo italiano prima di vedere i fatti

13 Luglio, 2018, 09:23 | Autore: Doriano Lui
  • Ints Kalnins  Reuters

Lo ha detto ieri, durante un'audizione alla alla commissione Affari economici e monetari dell'Europarlamento, il presidente della Bce Mario Draghi, rispondendo a una domanda sulle proposte economiche del governo italiano.

Un mese fa il presidente della Banca centrale europea aveva annunciato l'avvio del "tapering", la progressiva uscita dal piano di acquisto titoli di Stato che ha visto Francoforte finanziare la ripresa dell'eurozona con 2.400 miliardi di euro dal 2015. Tuttavia è ancora incompleta e resta vulnerabile.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Pertanto "prima di pronunciare giudizi" ritiene che sia "necessario aspettare i fatti".

"Ci aspettiamo che i tassi di interesse principali della Bce rimarranno ai livelli attuali almeno passata l'estate del 2019 e in ogni caso tanto a lungo quanto sarà necessario affinché l'evoluzione dell'inflazione rimanga allineata con le nostre aspettative attuali di un percorso di aggiustamento sostenuto".

L'Europa deve quindi "dare supporto al multilateralismo e al commercio globale" per la prosperità. "Per sostenere la fiducia e proseguire l'espansione economica - ha detto il banchiere - ci serve altra integrazione e convergenza tra gli Stati". "Stimiamo che le misure adottate dalla metà del 2014 avranno un impatto cumulativo complessivo di circa 1,9 punti percentuali sia sulla crescita del Pil reale dell'area dell'euro sia sull'inflazione per il periodo compreso 2016-2020". "Ma per avere successo all'esterno, l'Ue ha bisogno di istituzioni forti e di una robusta governance economica al suo interno", ha concluso Draghi sul tema.

Di qui la decisione della Bce: dati i progressi "sostanziali", progressi che continueranno nonostante "persistano alcune incertezze", dopo settembre saranno ridotti gli acquisti netti da 30 miliardi a 15 miliardi e gli stessi acquisti di asset termineranno a fine dicembre.

Raccomandato: