Casa » Sport

Milan, nuova era: è Paolo Scaroni l'uomo di Elliott per la presidenza

13 Luglio, 2018, 11:52 | Autore: Eufebio Giannola
  • Verso il «nuovo» Milan nel segno di Paolo Maldini

Favoritissimo per la presidenza è Paolo Scaroni, uomo di fiducia del fondo Elliott e attuale consigliere. Nessun commento, dunque, sulla nuova società: "Oggi non c'era - prosegue Cappelli - la nuova proprietà, erano presenti solo i consiglieri italiani". In assenza dei consiglieri cinesi, senza quorum, sarà il collegio sindacale del club ad indire l'assemblea dei soci che si terrà il 21 luglio. Non abbiamo indicazioni per il momento, vedremo all'assemblea.

L'obiettivo è quello di congelare la sentenza dell'Adjudicatory Chambers dell'Uefa e guadagnare una sorta di "condizionale" che potrebbe consentire alla squadra di Gattuso di disputare l'Europa League conquistata sul campo, in attesa di un esame dei conti più approfondito da poter fare con calma la prossima stagione. L'assemblea avrà all'ordine del giorno la costituzione del nuovo cda che, a sua volta, nella sua prima riunione nominerà il nuovo presidente. "Impegno, sacrificio e amore", sono i valori appresi nei suoi 25 anni al Milan, ha detto lo stesso Maldini in una breve clip pubblicata ieri su Twitter della International Champions Cup, torneo a cui parteciperanno in estate i rossoneri, organizzato da Charlie Stillitano, secondo rumor vicino a Stephen Ross, fra i soggetti statunitensi in corsa per l'acquisto del Milan, assieme alla famiglia Ricketts, Rocco Commisso e, secondo il Financial Times, anche Riccardo Silva, che nelle scorse settimane ha smentito di avere un ruolo nell'affare. Resta da sciogliere anche il nodo legato al possibile nuovo amministratore delegato. Per il nuovo ruolo, se Fassone sarà sollevato dall'incarico o rassegnerà le dimissioni, ci sarebbe in lizza Giovanni Carnevali del Sassuolo, sembra invece sfumare il nome di Umberto Gandini attualmente sotto contratto con la Roma.

Raccomandato: