Pensioni: Di Maio,su quota 100 valutiamo

13 Luglio, 2018, 11:27 | Autore: Doriano Lui
  • Pensionati all'Inps

Ma anche Quota 100 continua a tenere banco. Se ne è parlato molto, anche in relazione alle possibili penalizzazioni che potrebbe portare in sè.

Si può richiedere anche nel caso vengano raggiunti entro 7 anni i requisiti per la pensione anticipata, ovvero 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

I soldi ricavati dalla "manovrina" andranno su due fondi: uno dedicato alla "non autosufficienza", l'altro ai lavoratori deboli: i giovani precari sotto i 29 anni e gli ultracinquantenni che perdono il posto.

Bisogna sottolineare che l'isopensione non è un'esclusiva per i dipendenti: infatti, sono ammessi alla prestazione anche i dirigenti in esubero dopo un processo di riduzione di personale conclusosi con un accordo firmato da un'associazione sindacale per la stipula di un CCNL di categoria. Di Maio ha confermato che il governo intende risolvere questo tema ed ha aperto alla possibilità di un meccanismo di "compensazione" crediti-debiti. E pazienza se i denari risparmiati saranno pochini.

Ieri il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, che, presentando le linee guida dei suoi dicasteri al Senato, ha parlato di lavoro, pensioni, decreto dignità, reddito di cittadinanza.

Il Leader del Movimento 5 Stelle, inoltre, avrebbe affermato che verranno abolite le cosiddette pensioni d'oro sopra i 4-5 mila euro mensili; una misura che potrebbe rivelarsi utile per coprire i costi richiesti dal reddito di cittadinanza e per permettere un ulteriore aumento dei trattamenti minimi. Di cosa si tratta? "Il governo farebbe bene a fermarsi prima di fare degli errori e ad aprire un confronto serio e di merito con i Sindacati" dichiarano in una nota i segretari generali di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil Ivan Pedretti, Gigi Bonfanti e Romano Bellissima.

Mentre si festeggia per il taglio dei vitalizi (le indennità percepite dagli ex parlamentari che saranno ricalcolate in base alla durata della contribuzione durante il mandato), dal 1 gennaio 2019 si abbasseranno le pensioni, comprese quelle dei lavoratori della scuola. "È un film già visto e sarebbe una clamorosa retromarcia rispetto a quanto fatto in questi ultimi anni con l'allargamento e il potenziamento della 14esima". Adesso tagliamo le pensioni d'oro. Secondo il senatore Tito Boeri la quota 41 aggiunta alla quota 100, che prevede l'opportunità di andare in pensione una volta compiuti 64 anni, se la somma dell'età anagrafica e dei contributi maturati dà come risultato 100, costerà 11 miliardi di euro nell'immediato, 18 miliardi a regime. "Su tutte le pensioni, non solo su quelle d'oro", dice la deputata del Pd, Alessia Morani. "Dovevano abbassare le tasse e invece ne mettono di nuove". Vediamo di seguito come poter scegliere una pensione integrativa. "A questi signori, che ogni giorno di più minacciano di destabilizzare pesantemente l'Italia, diciamo che prima di toccare i soldi degli italiani pensino a restituire i 49 milioni che gli devono".

Raccomandato: