Di Maio: "No al Ceta: quando arriva in Aula lo respingiamo"

16 Luglio, 2018, 02:11 | Autore: Doriano Lui
  • Di Maio chiude sul Ceta: «Via i funzionari che lo difendono»

L'Assemblea di Coldiretti ha al centro la tutela del made in Italy. E sui dazi, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha aggiunto che bisogna smetterla di considerarlo un tabù. "Gli altri paesi fanno il loro lavoro, siamo noi che dobbiamo difenderci e difendere l'economia italiana- continua Di Maio- Stiamo discutendo sul Ceta e chissà quanti tentativi faranno gli altri paesi per entrare con i loro prodotti nella nostra economia".

Secondo il presidente del Consorzio di tutela del Parmigiano Nicola Bertinelli, al debutto a Palazzo Rospigliosi in qualità di presidente di Coldiretti Parma, "gli accordi di libero scambio servono all'export agroalimentare made in Italy".

Nessuna sorpresa perciò quando scoppia un lungo applauso nel momento in cui il leader del M5S annuncia che il Parlamento italiano non lo ratificherà.

"A breve il Ceta arriverà in aula per la ratifica e questa maggioranza lo respingerà e non lo ratificherà", ha detto Di Maio. Anche il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo si è sempre espresso in termini negativi nei confronti del Comprehensive Economic Trade Agreement con il Canada.

In netta controtendenza all'aumento fatto registrare sui mercati mondiali, le esportazioni di Parmigiano Reggiano e di Grana Padano in Canada sono diminuite in valore dell'10% nel primo trimestre del 2018, quello successivo all'entrata in vigore in forma provvisoria il 21 settembre 2017 dell'accordo di libero scambio con l'Unione Europea (Ceta) che avrebbe dovuto frenare le imitazioni e migliorare l'accesso al mercato.

"Esprimiamo soddisfazione per la conferma da parte del Governo dell'intenzione di bocciare la ratifica del CETA, trattato di facilitazione commerciale tra Europa e Canada". "All'Italia conviene il Ceta perché siamo un Paese ad alta vocazione all'export e attraverso l'export creiamo ricchezza", afferma Boccia a margine della Graduation Ceremony del corso in Family Business Management della Luiss Business School.

Raccomandato: