Casa » Sport

Florenzi rinnova con la Roma: contratto fino al 2023

03 Agosto, 2018, 00:15 | Autore: Eufebio Giannola
  • UFFICIALE – Florenzi rinnova fino al 2023. Monchi: “Alessandro è una bandiera” (COMUNICATO AS ROMA)

Alessandro Florenzi firma il rinnovo a Boston: un contratto che lo porterà a percepire circa 2,8 milioni di euro più bonus a stagione fino al 2023. L'esterno, per l'occasione, ha tenuto una conferenza stampa. Li abbraccio uno per uno.

"Ci sono tifosi che pensano che non merito questo rinnovo per le prestazioni dello scorso anno, altri a cui a prescindere non va bene che io porti questa maglia. Progetto? No, questo non è un progetto, ma la realtà". Sono state dette cose che mi hanno fatto male, ma che mi hanno insegnato tanto. I cori contro di me durante la trattativa? Ma sono arrivati anche dei giovani importanti e forti. Ma ho pensato alla Roma e a quello che rappresenta per me, poi decidere è stato facile. Non ho le stesse qualità di Totti, da alcuni non mi viene riconosciuta la stessa passione di De Rossi, per alcuni sono anche ingombrante, ma si sbagliano. Loro sono prima di tutto due amici, che mi hanno insegnato cosa vuol dire essere romano e romanista. "Mi hanno insegnato a essere romano e romanista, essere un giocatore di Roma nella Roma e a dare tutto la maglia".

Che giocatore sarà per la Roma. Voglio essere un esempio per i giocatori del futuro, chi meglio di me e Daniele De Rossi? Mi sento e vorrò sentirmi un giocatore importante per tutti quanti. Sono cresciuto tanto, ero un bambino con un sogno e sono diventato in carne e ossa il sogno che avevo.

"Sono veramente orgoglioso e felice di essermi legato eternamente alla mia città nella città eterna". "A Crotone un anno bello sotto tutti i punti di vista, mi ha fatto diventare uomo e posso solo ringraziare chi è stato vicino a me e gli allenatori che mi hanno dato qualcosa e mi hanno fatto diventare quello che sono ora".

Il ruolo. "Non è più compito mio". La mia posizione? Mi trovo bene da terzino, ala, centrocampista: gioco dove vuole il mister. "Direttore sportivo no, è più difficile".

Un momento in cui ha detto basta con la Roma. "La trattativa con la Roma è stata lunga, non lo nascondo". Non è mai facile con queste situazioni, ci sono molte cose una dentro l'altra. Quando vado a mettere la bilancia, da una parte c'erano più soldi ma poi ha vinto la parte meno piena. "La scelta dopo è stata molto semplice".

Le contestazioni dei tifosi. Ognuno ha la sua idea, le critiche le prendo tranquillamente. "Partiamo da una base importante". Sappiamo cosa vuole, in entrambe le fasi e quindi abbiamo questo vantaggio. Non sto qui a fare proclami o promesse. Abbiamo un grande gruppo, vogliamo migliorarci rispetto allo scorso anno. Se superiamo i nostri limiti, con unità d'intenti, possiamo superare diversi ostacoli. A Roma, per crescere, dovremo avere maggior equilibrio, partendo da noi calciatori per finire con giornalisti e tifosi. "Per migliorare tutti, come ambiente, serve l'equilibrio di tutti qui a Roma". "Se lo avremo allora tutti avranno soddisfazioni, dal ds ai tifosi". Il mio lavoro è di fare la rosa più forte possibile e lavorerò fino all'ultimo. Si parla di lui e tanti altri, è uno dei nomi per il centrocampo ma non l'unico e nemmeno il più vicino. E' stato più volte detto che non si poteva fare. La trattativa non è stata facile.

Raccomandato: