Nobel per la matematica: Alessio Figalli riporta la medaglia Fields in Italia

03 Agosto, 2018, 03:08 | Autore: Santina Resta
  • Alessio Figalli ha vinto il Nobel per la matematica/ Medaglia Fields a un italiano dopo 44 anni

E' il secondo italianoa ricevere l'ambito riconoscimento dopo 44 anni di assensa del tricolore.

L'annuncio ufficiale della medaglia Fields - che assegna al vincitore quindicimila dollari canadesi, e dunque una cifra quasi simbolica rispetto al milione di dollari Usa che si assegna per un Nobel - è stato dato a Rio de Janeiro durante la cerimonia di apertura del ventottesimo International Congress of Mathematicians. "E'un grande stimolo per il futuro, che mi motiverà a continuare a lavorare nei miei settori di ricerca per cercare di produrre studi di altissimo livello".

Un prestigioso riconoscimento che mancava da 44 anni all'Italia, con Alessio Figalli che attraverso i suoi teoremi è riuscito a convincere la giuria del Fields. PhD ottenuto in Italia e Francia, ha vinto una borsa di ricerca al Cnr francese per poi diventare professore a Austin, in Texas, e infine al Politecnico di Zurigo. Prima di lui c'era stato Enrico Bomberei, quarantaquattro anni fa.

Figalli, 34 anni, è nato a Roma il 2 aprile 1984. Ma dal 2012 in poi il nostro Alessio ha ottenuto anche altri riconoscimenti importanti: si parte con l'encomio della Società Europea di Matematica, per poi avanzare con la 'Stampacchia Gold Medal (2015), il premio "O'Donnel Award in Science" dall'Accademia di Medicina, Ingegneria e Scienza del Texas (2016) ed il 'Premio Feltrinelli Giovani' da parte dell'Accademia dei Lincei (2017).

Un professore di Cambridge, Caucher Birkar, ha ricevuto assieme all'italiano Alessio Figalli la medaglia Fields 2018, una sorta di Nobel per la matematica, diventando il secondo iraniano ad essere insignito dell'onorificenza.

"Conosco Alessio Figalli come un matematico estremamente creativo e una persona aperta e comunicativa", ha aggiunto Guzzella. Nel caso particolare studiato da Monge, ci si domandava quale fosse la maniera ottimale di spostare della terra per costruire delle fortificazioni, supponendo che il "costo di trasporto" sia proporzionale alla distanza. Ha già al suo attivo 140 pubblicazioni.

E al contrario di quanto comunemente si pensa, i suoi studi hanno applicazioni pratiche importanti in campo ingegneristico e fisico, consentendo migliore comprensione di alcuni fenomeni naturali come la formazione delle nuvole e la meterologia. Da giugno ad agosto 2019 sarà tra anche gli organizzatori di un corso all'Istituto Erwin Schrödinger di Vienna, proprio sul tema del trasporto ottimale, che gli è valso, insieme ad altre ricerche, il riconoscimento Fields.

Raccomandato: