Romania, corteo contro la corruzione: polizia disperde i manifestanti, oltre 400 feriti

11 Agosto, 2018, 22:09 | Autore: Santina Resta
  • La città a ferro e fuoco

Migliaia di persone, romeni emigrati all'estero, sono tornati a Bucarest e scesi in piazza per protestare contro la corruzione, gli stipendi troppo bassi e i tentativi del governo di indebolire la magistratura. Il governo è stato accusato dai manifestanti, tra 30 e 50 mila, di essere "corrotto".

Almeno 440 persone hanno avuto bisogno di cure mediche dopo i violenti scontri: 65 sono state ricoverate, tra loro anche 9 agenti anti-sommossa.

La protesta è degenerata nella tarda serata: la polizia ha lanciato lacrimogeni e sparato acqua, mentre alcuni dimostranti tiravano pietre, bottiglie, fumogeni e petardi. Iohannis aveva provato a opporsi al licenziamento di Kövesi, ma poi aveva rinunciato per evitare una crisi politica. L'anno scorso i lavoratori rumeni all'estero hanno contribuito a quasi il 2,5 per cento del PIL della Romania con le proprie rimesse. Si prevede una partecipazione ancora più massiccia, dopo gli episodi di violenza di ieri sfociati nel lancio di lacrimogeni e nell'uso di idranti da parte delle forze dell'ordine.

Raccomandato: