Warner Bros. e altre compagnie hanno interesse nell’assumere James Gunn

12 Agosto, 2018, 14:04 | Autore: Bianca Mancini
  • Dave Bautista

La situazione di James Gunn, noto regista della saga dei Guardiani della Galassia, è molto complicata. L'interprete di Drax si è arrabbiato perché la Disney non solo non ha difeso Gunn davanti all'attacco di un sodale pro Trump che ha riesumato dei vecchi post del regista dove scherzava sul tema delicato della pedofilia, ma ha deciso di dar ragione a quella viscida campagna e ha rescisso immediatamentere il contratto e troncato ogni collaborazione con l'autore dei Guardiani della Galassia vol 1 e 2.

Gunn è stato licenziato dal progetto il mese scorso dopo che i tweet offensivi del regista-sceneggiatore originariamente pubblicati nel 2010 sono emersi online. Che ovviamente sarebbe il meglio per il franchise. Inoltre, negli ultimi giorni, sono arrivate molte proposte di lavoro al regista da parte di grandi major cinematografiche.

Dato che probabilmente Gunn riceverà anche attacchi mediatici da parte degli stessi che lo hanno precedentemente attaccato, alcuni dirigenti e produttori stanno meditando per ora un periodo di riflessione di diversi mesi prima di fare annunci ufficiali. Secondo una fonte apparentemente molto attendibile, la Disney sarebbe disposta a pagare a Gunn una buona uscita che oscilla tra i 7 e i 10 milioni. Due fonti dicono che c'è una speranza che Gunn potrebbe tornare in qualche modo, sviluppando e dirigendo un altro film Marvel.

"Non è stato ancora presa una decisione definitiva, e sono ancora in corso conversazioni a riguardo".

Raccomandato: